Movimento Civico Nazionale
Giovani Uniti per l'Italia

VITA SMORZATA

Te poni du-tre mila grandi mete, (1)
te fai n'idea, pressappoco vaga
de come passÓ 'n paro d'ore liete...
de come 'sta 'n famijja te ripaga. (2)

A'n certo punto, s'arzano inquiete
le ombre d'un presente che non paga.
Te trovi sprofonnato nella quiete
de 'na stanza ch'er zonno pi¨ appaga! . (3)

E l'incubbi te spareno l'angoscia
nun dormi, magni e certo nun t'azzardi
a chiede aiuto: la mente te s'affloscia. (4)

Guardi l'ora: pe' te nun Ŕ pi¨ tardi...
f˛ri er diluvio, coi pensieri scroscia:
parte 'n corpo: addio a li traguardi. (5)

Roma, 31 Maggio 2012

(1) ti crei un sacco di aspettative
(2) e nei guai, si riesce, grazie alla famiglia, a stare bene.
(3) metaforico e reale quel "non paga". I soldi che mancano sono solo la fine di una catena che vede mancare il lavoro, gli affetti e aumentare l'angoscia
(4) la mente perde di luciditÓ e si entra nel vortice della disperazione
(5) la decisione di farla finita, che stabilisce una fine biologica della tua vita ma ha giÓ decretato la fine della solidarietÓ umana e la completa mancanza di relazioni e di concretezza delle relazioni attuali tra ! gli uomini.

Giovanni Nannini